La cittadina di ‘s Hertogenbosch

Cases

I residenti hanno approvato il piano per l’area gioco del quartiere Maaspoort

's Hertogenbosch è una delle città medievali più antiche dei Paesi Bassi ed è ricca di panorami storici, ma nel quartiere Maaspoort si preferisce guardare al futuro. Non potrebbe essere diverso per un quartiere nato nel 1977. Nel frattempo il quartiere è cresciuto fino ad avere 17.000 abitanti, la maggior parte dei quali sono "Oeteldonkers" (Oeteldonik è l'antico nome di's Hertogenbosch) che hanno lasciato il caos della città per un ambiente più adatto ai bambini, dove la qualità della vita è buona: vicino all'autostrada e a soli 10 minuti di distanza dal frenetico centro cittadino. Potete immaginare un luogo migliore per la prima area gioco CITYLIFE di KOMPAN dei Paesi Bassi?

Joris van Strien è il responsabile del gruppo distrettuale di diverse zone, tra cui Maaspoort, e in quanto tale si occupa anche di tutto ciò che riguarda le aree gioco pubbliche. "Nel 2002 il comune ha esposto la propria opinione in merito al gioco dei bambini in una relazione sullo spazio per i giovani nella sua circoscrizione. Sulla base di tale relazione, abbiamo preparato un progetto per i parchi giochi locali che includesse diverse tipologie di aree gioco. Alcune di queste sono a tema, "western" o "acquatico", oppure scegliamo uno stile particolare. Nel caso di CITYLIFE, lo stile è urbano, moderno e funzionale".

 

Approccio circolare

Il progetto per i parchi giochi locali, sviluppato dal Dipartimento per lo Spazio Pubblico e il Traffico, si basa su cerchi che determinano il numero di aree gioco necessarie per ogni fascia d'età e per ogni zona. I bambini fino a 6 anni devono avere un'area gioco nel raggio di 100 metri da casa. Per i bambini fino a 12 anni, la distanza arriva a 400 metri e per gli adolescenti, dai 12 anni in su, utilizziamo un raggio di 800 metri. Chiaramente ciò è possibile solo all'aperto. In queste aree si possono trovare giochi molto diversi, ma ad esempio anche un campo da bocce. Le aree gioco locali sono in realtà studiate come luogo di ritrovo per grandi e piccini."

 

Funzioni gioco e partecipazione

Nei prossimi anni, il Signor Van Strien dovrà pensare alle tre nuove aree gioco che ogni anno verranno istallate in questa zona. Inoltre, il progetto per i parchi giochi locali prevede il rinnovamento delle aree gioco esistenti. Utilizza anche uno strumento utile per valutare gli investimenti nelle aree e nelle strutture gioco: "Confrontiamo le strutture e i loro prezzi con le funzioni gioco che forniscono. In tal modo possiamo valutare molto velocemente quale investimento ha il miglior ritorno." Il passo successivo sarà un progetto dettagliato che sarà presentato ai residenti, i quali avranno facoltà di voto per ogni caso. "Gli abitanti del quartiere decideranno come sarà l'area gioco, ovviamente all'interno dei margini precedentemente stabiliti. Di solito siamo tutti d'accordo quando si tratta di funzioni di gioco e design, e CITYLIFE ne è un ottimo esempio."

 

Un euro per un euro

Secondo van Strien, il comune di's Hertogenbosch non solo tiene in grande considerazione la partecipazione dei residenti, ma li coinvolge attivamente. "Abbiamo una regola che chiamiamo 'un euro per un euro'. La regola vuole incoraggiare le persone a prendere l'iniziativa quando si tratta di aree gioco. Possono proporre aree all'interno del progetto per i parchi giochi locali, pensare a temi per un'area gioco o scegliere congiuntamente le strutture. Ma tale regola prevede che anche i residenti considerino le risorse finanziarie come, ad esempio, gli sponsor". 

Per ogni euro che un residente devolve, viene destinato un altro euro da parte del comune, fino alla cifra massima stabilita. Possiamo anche aiutare i cittadini a trovare gli sponsor."

Il metodo di lavoro utilizzato dal Signor van Strien e dal suo team è un ottimo esempio dell'interazione positiva tra il comune e i suoi abitanti. I risultati sono visibili nel parco giochi CITYLIFE sulla Duitlaan, dove il gioco e il divertimento sono la prova tangibile di una vera cooperazione.

 

I fatti in breve

Luogo: 's Hertogenbosch, Paesi Bassi