Parco Giochi Inclusivo Biud10

Parco Giochi Biud10 Giochi Inclusivi Kompan

1. Analisi del bisogno

Negli ultimi anni la qualità della vita dei bambini con disabilità ha fatto grandi passi in Italia, arrivando ad una condizione di integrazione in molti ambiti ordinari della vita di tutti i giorni. Non è cosa rara ormai, vedere un bambino con disabilità frequentare una scuola ordinaria, uscire con i propri amici, crescere in famiglia a stretto contatto con i propri fratelli e genitori e frequentare società sportive o centri ricreativi grazie al supporto offerto dai servizi sanitati e riabilitativi.

Tuttavia, nonostante il livello d’integrazione sia aumentato negli ultimi anni, risulta ancora difficile incontrare bambini con disabilità che vivono momenti ludici e ricreativi con i propri compagni in piena integrazione. Soprattutto, è difficile incontrare un bambino diversamente abile nei “parchetti” di quartiere, ovvero quei luoghi in cui al termine della scuola i bambini di tutte le età amano incontrarsi per trascorrere ore di svago e divertimento prima di tornare a casa. I numerosi bisogni che la disabilità attribuisce portano molto spesso a focalizzare l’attenzione dei genitori, dei servizi e della comunità soltanto sulla parola “disabilità” prima che sulla parola “bambino”, con un forte utilizzo di energie e risorse verso attività più “riabilitative” che ludiche.

Da questa riflessione nasce l’esigenza dell’associazione “Biud10” di creare un’area giochi accessibile e fruibile da tutti per concretizzare il diritto e il desiderio di questi bambini di poter vivere momenti di spensieratezza con i loro pari in totale integrazione, senza dover fronteggiare le barriere che un normale parco giochi può comportare.

Un’area giochi progettata per includere tutte le esigenze del genere umano e tutte le sue diversità, partendo da semplici principi come equità e flessibilità, favorendo un uso semplice e intuitivo, offrendo informazioni recepibili, tollerando errori nell’uso, richiedendo sforzi fisici adeguati alle capacità di ognuno.

2. Progetto

Alla luce di tali considerazioni, la collaborazione tra KOMPAN e Biud10 si è basata proprio sul concetto di uguaglianza e identifica nel gioco l’attività centrale per promuovere e favorire l’inclusione.

L’area giochi è stata pensata per essere fruita da tutti, senza alcuna separazione tra giochi specifici per bambini con disabilità, o realizzazione di aree esclusive dedicate a essi.

L’accesso e’ possibile attraverso percorsi fruibili anche a bambini e accompagnatori con disabilità, quindi in un’area che assicuri la continuità tra gli accessi del parco e la viabilità esterna; continuità che non deve essere interrotta, poiché anche pochi metri inaccessibili possono compromettere l’accessibilità dell’intero percorso. E’ stata assicurata la possibilità di spostarsi nell’area giochi muovendosi facilmente da un attrezzo all’altro. Si è assicurata inoltre la possibilità di raggiungere i servizi o i punti di interesse presenti nel parco (panchine, fontanelle, servizi igienici, ripari, ristori, ecc.). Abbiamo pensato ad un luogo dove non ci siano ostacoli per chi ha difficoltà di deambulazione o utilizza la carrozzina, chi spinge un passeggino, chi pedala su un triciclo o su di una piccola bicicletta.

3. Ruolo del Comune di Vercelli

Il Comune di Vercelli ha individuato, in collaborazione con l'associazione Biud10, l’area di Piazza Mazzini come più idonea dove collocare le attrezzature gioco ed ha attivato quanto necessario per realizzare le opere preliminari. L’impegno del Comune e’ consistito inoltre nel garantire l’accessibilità, promuovere lo spazio sul territorio per assicurarne la valorizzazione e garantire la piena fruibilità dell’area gioco.

 

 

 

 

 

Area Giochi all’aperto

L'area giochi è stata realizzata secondo i sei principi KOMPAN per un design inclusivo e universale. Per essere inclusivo un gioco deve essere : 1. Accessibile, 2. Multifunzionale (ove possibile), 3. Progettato a 360°, 4. Dotato di attività gioco diversificate, 5. Chiari nel colore e nella segnaletica, 6. Dotato di soluzioni particolari per esigenze particolari. La volontà di portare avanti l'idea di un gioco inclusivo e universale per tutti è da sempre radicata nella storia di KOMPAN. I nostri prodotti possono essere utilizzati universalmente e creare attività attraenti per tutti i bambini affinchè tutti possano essere partecipi del gioco e sviluppare le proprie abilità sia all'interno che all'esterno della struttura. L'area gioco si divide in tre livelli di attività di gioco inclusivo:

1. Attività a livello terra;

2. Attività a livello superiore;

3. Attività multi-livello

Tutte le attività proposte seguono le linee guida della ADAAG (American with Disabilities Act's Accesibility Guidelines), secondo cui un parco giochi può essere definito universale quando coesistono in numero eguale i vari livelli di attività. Inoltre, le varie attività di gioco possono essere sviluppate sia su strutture a livello terra sia a livello superioe, aumentando cosi la fruibilità.

 

Età d'uso : 2-11 anni

L'accessibilità dell'area giochi è adatta anche ai bambini con disabilità e a genitori/accompagnatori con disabilità. A titolo di esempio si riportano alcuni tipi di attrezzature/giochi inseriti nell'area:

  • Struttura con scivolo doppio, accoppiato e parallelo, sul quale è possibile scivolare accompagnati da un compagno di giochi e, nel caso, da un eventuale accompagnatore per guidare, rassicurare ed assistere il bambino.
  • Altalena a due posti con seggiolini a spalliera alta e con spondine laterali stabilizzanti, adatti per contenere gli spostamenti del busto dei bambini con disabilità motorie (altrimenti impossibilitati a fruire dei seggiolini standard privi di schienale e nei quali è necessario l'utilizzo di entrambe le braccia per non cadere). Queste altalene hanno anche l'obiettivo di far vivere, in totale sicurezza e con una rassicurante sensazione di protezione,l'esperienza del corpo in movimento a bambini con disabilità sensoriale.
  • Pannelli tattili-esplorativi e sensoriali, i pannelli sono posizionati in posizioni tali da poter essere esplorati e manipolati anche da bambini con disabilità motoria che utilizzano una sedia a ruote svolgendo le attività insieme ad altri coetanei. La scelta delle attrezzature è basata su considerazioni tecnico-progettuali che partono dalle esigenze di fruibilità ed inclusione e del gradimento dei bambini di età compresa tra i 2 e gli 11 anni. Tutte le forniture sono conformi alle norme di sicurezza certificate e che non richiedono manutenzione.

Fisico

Emozionale

Cognitivo

Creativo

Photo Collage

Parco Giochi inclusivo Biud10

Piemonte, Vercelli 13100, Italia

Hai bisogno di aiuto?

Abbiamo più di 50 anni di esperienza e ti supporteremo nel tuo progetto.

 

1 Left section
2 Right section